Come organizzare le pulizie di casa

Aceto e Bicarbonato: consigli per le pulizie di casa
13 marzo 2019
Come fare bene le pulizie e risparmiare tempo
15 maggio 2019

Come organizzare le pulizie di casa

Come organizzare le pulizie di casa?

Vai sempre di fretta e non sai quando pulire la tua casa?

Ecco svelato qualche trucco per pulire tutta la casa a fondo e avere più tempo per te.

Pronte a pulire casa a fondo? Vediamo insieme come affrontare le pulizie con organizzazione e velocità.

Il detto “Chi ben comincia è a metà dell’opera” vale anche in questo caso, quindi prima s’inizia e prima si finisce. Per iniziare al meglio fai uno schema mentale per capire da dove cominciare. Un consiglio utile è quello di organizzare il tuo lavoro facendo anche un piano settimanale per cui ti sarà facile capire a colpo d’occhio cos’è che non pulisci da tanto. Avere uno schema di aiuterà anche in futuro a essere più organizzata. Per quanto riguarda la routine settimanale già sai che il bagno è bene pulirlo tutti i giorni, i pavimenti almeno a giorni alterni e dovresti spolverare ogni tre giorni, circa, perché la polvere sui mobili purtroppo si accumula velocemente. La cucina richiede una pulizia profonda almeno tre volte a settimana. Per prima cosa spolvera con attenzione televisore, mensole, stereo e tutte le superfici a vista che hai. Durante questo passaggio è importante che ogni finestra della casa sia aperta per far aerare bene la casa. In camera da letto cambia le lenzuola e fai prendere aria anche al piumone ed ai cuscini.

Se fatta con organizzazione, la pulizia della cucina potrebbe richiedere anche soli 15 minuti. Per pulire velocemente il piano di lavoro prendi un detergente e dell’acqua calda. Passalo su tutto il ripiano ed asciuga con un panno di cotone, così non avrai antipatici residui di carta. Come per la cucina, anche in bagno puoi avere il massimo risultato in poco tempo. Pulisci il lavandino con una spugna, acqua calda e un prodotto anticalcare. Asciuga poi con un vecchio asciugamano per lucidarlo. Pulisci a fondo il water con un prodotto disinfettante ed asciuga con della carta da cucina. Completa l’opera pulendo anche gli angoli più nascosti del WC aiutandoti con un gel fornito di beccuccio. Lascia un po’ in posa e risciacqua più volte con abbondante acqua. Adesso è la volta dello specchio, raggiunto ogni giorno da mille schizzi d’acqua. Armati di un prodotto specifico per vetri ed asciuga con dei vecchi fogli di giornale, tornerà a splendere in un batter d’occhio.

Se fatto con i giusti prodotti, anche passare la scopa diventa un gioco da ragazzi. Munisciti di uno spolveratutto e passalo in tutte le stanze velocemente. Inizia dalle camere, poi a seguire in cucina e in ultimo salotto. A questo punto puoi passare lo straccio sui tuoi pavimenti. Prendi il secchio, aggiungi acqua tiepida e il tuo detergente profumato preferito. Lascia ancora aperte le finestre così crei corrente e il pavimento si asciugherà prima.

In tutto questo, le faccende di casa possono spesso trarre in errore! Ecco i più frequenti!

La prima reazione che si ha quando un tappeto si macchia è quella di versarci dell’acqua. Niente di più sbagliato. Si possono danneggiare le fibre del tappeto senza smacchiarlo. L’ideale è far assorbire la macchia con del talco o polveri apposite e poi spazzolare. Anche il sale non è adatto e non sconfigge le macchie di vino rosso, come molti credono. Anzi, la sua capacità abrasiva tende a danneggiare il tessuto e a stabilizzare la macchia. Un altro errore molto frequente nelle faccende domestiche è l’uso dello spray per vetri sugli schermi lcd. In alcuni casi possono opacizzare o danneggiare anche irrimediabilmente lo schermo. Alcuni spray per vetri sono infatti a base alcolica e questa sostanza può anche penetrare negli schermi lcd. Meglio, anche in questo caso, utilizzare un detergente specifico. Si spenderà qualcosa in più ma salvaguarderemo lo schermo, ben più costoso di un detergente!

L’aceto e la candeggina sono due preziosi alleati per le pulizie di casa ma possono anche far danni. L’aceto, ad esempio, non può essere usato per tutto. Alcune superfici in pietra o legno potrebbero mal tollerarlo. Lo stesso discorso vale per la candeggina. C’è chi la utilizza per pulire le macchie di ruggine o peggio lavare la macchina del caffè sporca di calcare. Oltre a non essere efficace come un liquido specifico, altera terribilmente il sapore della bevanda. Utilizziamo, invece, solo per la parte esterna un buon decalcificante. L’interno della moka andrebbe sempre lavato solo con acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *